San Sisto (4) Under a blue Sardinian sky

 

 

Abside e arco di trionfo della chiesa di San Sisto

Costantino Spada (Sassari 1922-1975) Frescoes in the Church of San Sisto / Affreschi della Chiesa di San Sisto

The first time I arrived at the city walls I had no idea of how many passages there were in Sassari: invisible apertures disguised as alleys or archways through which I would have chased after the innumerable aspects of its beauty. It was sufficient to enter one of its gate doors to find out that the invisible city exists and has always been there, guise and structure of the visible one. Sometimes you walk along the streets and you feel like an acrobat hanging on the vertigo of a vision; other times the road becomes a bank dividing the visible world from the invisible one or it becomes a bridge that links this two worlds and let travellers explore both of them. This is the way a traveller walks along Via San Sisto too. This street is the borderline between this parish and that of San Donato, and while you proceed towards the Platha that feeling becomes more and more intense. So when you arrive at the place where this parish curch is situated you realize that in this precise point of the street, on its left side, a few steps beyond the crossing with Carrera Longa, there is not only one church of San Sisto, but two.

The first one is a small Gothic church whose date of construction is unknown. It surely existed in 1278, when it was declared “parish” and assumed the function of city district as well as the churches of San Donato, San Nicola, S. Apollinare and Santa Caterina. At that moment of its story the city of Sassari was undergoing a rapid expansion. Although enclosed by the Pisan city walls, Sassari was so different from others Sardinian cities to make its future appellation of capital city of the Capo di Sopra predictable. Its expansion undoubtedly required a simple and efficient subdivision of its territory. The second church of San Sisto is the neoclassical building that in the middle of the 19th century took the place of the first church. Reference sources report that it was built “ex novo” starting from its foundations and completed in 1848 which means, seen from the other side of the bank, that the Gothic church was dismantled for this purpose and ceased to be part of the cityscape starting from 1849. Sassari is such an incredible city! Here a traveller only has to choose the path he prefers to walk on, the aspect of the beauty he wants to approach first and this is the most ordinary thing that may occur inside this extraordinary city. I am sure that Sassaresi do the same, with the ease of natives who know the innumerable cityscapes and change their perspective, choosing the one to inhabit time after time.

Not wishing to disturb the quiet exile of San Sisto Pisano I direct myself to the 19th century church. Describing the way Sassari was at that time in a few words is not as simple as it might seem. During that century History changed its gait: great international events surrounded smaller situations, leaving traces, generating impulses so, while the great monarchies restored by the Congress of Vienna were shaken by the insurrectionist shocks of the middle class, in march 1848 the Kingdom of Sardinia adopted its first constitution, the Statuto Albertino, which will become the constitution of the future Kingdom of Italy in 1861. Times of great changes and break with the past. An air of reconstruction that could be perceived in Sassari too. I would say that atmosphere had become more and more visible, quite tangible in Sassari, very similar to the dust that reached the blue Sardinian sky rising from the demolitions of the city walls and the Palazzo di Città. I imagine the streets of Sassari crossed by the bustle of carts, stone cutters and masons, elegant gentlemen in black suits inspecting the construction sites with Piedmontese severity, their respective designs properly folded and carried by diligent assistants. Then I imagine the noise, the sounds of the pulleys, the stretched ropes, the imprecations and the benedictions; craftsmen’s names called loudly, bouncing off the scaffoldings and those of architects and engineers gently whispered, the way people used to address the bishop or the doctor. In that turbulent first half of 19th century architect Angelo Maria Piretto designed the new church of San Sisto. He was Sassarese and greatly respected because of his design of the new cemetery, built ten years before, in a locality called Caramasciu near the church of San Pietro, still existing but not a place of worship any more.

On the contrary, the church of San Sisto easily endured its own revolution: it remained a parish and a quarter of Sassari but lost contact with its past. Only two figures remained in the dim light of the navata after the metamorphosis: a statue of the saint, dated back to the 18th century, and a figure of Christ, whose wooden Cross is missing, nowadays kept in the Pinacoteca Nazionale di Sassari. A hundred years more will pass before this sober neoclassical church will finally meet the vividness of the colours of Costantino Spada’s frescoes. The scenes painted by the Sassarese artist decorate the apse basin, the apsis and the triumphal arch of the church and illustrate respectively the Apotheosis of the Virgin, The Last Supper and the Martyrdom of San Sisto. Costantino Spada painted them in 1950, with elegant traits that would have become impeccable in the following decoration of the Basilica del Sacro Cuore outside the old city. In this beautiful fresco there is an element I like most: the blue sky dominating the Apotheosis scene in the apse basin. Little groups of figures gathering around the Virgin reveal the competence and high level achieved by the painter and recall gestures and postures of figures painted by Mantegna, Benozzo Gozzoli or Giorgio Vasari. It is like finding yourself facing the great passion this painter must have felt for his Art, one has the feeling to observe his ongoing joy in painting, slightly interrupted by the “giornate”, the sections in which a fresco is divided. The blue vault undoubtedly is the sky of Sardinia, everyone who has seen it over his head can recognize it in this fresco. While illuminating the scene and the entire church with its brightness, the blue vault reminds worshippers and visitors that every human event, every removed stone, every transformation concerning the city has happened, and always will, under the intense and limpid blue of the Sardinian sky.

LMR

Cover photo: Francesco Pau, Frescoes of Costantino Spada in the Church of San Sisto, Apotheosis of the Virgin, 1950 (detail).



Sotto un cielo blu sardo

Arrivando alle mura della città per la prima volta non immaginavo quanto Sassari fosse ricca di passaggi, di varchi invisibili camuffati da isthrinte, da porticali, attraverso i quali avrei potuto inseguire gli infiniti aspetti della sua bellezza. È bastato entrare per una delle sue porte per scoprire che la città invisibile esiste ed è da sempre veste e struttura della città visibile: a volte si cammina per le sue vie come in precario equilibrio, acrobati sospesi sulla vertigine di una visione; altre volte la strada diventa l’argine che separa il visibile dall’invisibile o il ponte che li unisce, così che un viaggiatore possa attraversarli. In questo modo si percorre anche Via San Sisto, che è il confine fra questa parrocchia e quella di San Donato, e mentre si procede verso la Platha la sensazione si fa ancora più netta. Quando infine si arriva al luogo in cui sorge la chiesa di questa parrocchia ci si accorge che in quel preciso punto della via, sul suo lato sinistro, pochi passi oltre l’incrocio con la Carrera Longa, non c’è una sola chiesa di San Sisto, ma due.

La prima è una piccola chiesa gotica, di cui non si conosce esattamente l’anno di costruzione. Di certo esisteva già nel 1278, anno in cui venne dichiarata parrocchia e assunse la funzione di rione della città, insieme alle chiese di San Donato, San Nicola, S. Apollinare e Santa Caterina. In quel momento della sua storia Sassari era in piena espansione. Sebbene chiusa dentro la cerchia delle mura pisane, la sua singolarità rispetto alle altre città dell’Isola era già presagio del suo futuro di capitale del Capo di Sopra, da qui la necessità di ripartire il suo territorio secondo un’organizzazione tanto semplice quanto efficace. La seconda è la chiesa in stile neoclassico che a metà dell’Ottocento prese il posto della prima. Le fonti storiche riportano che venne costruita ex novo dalle fondamenta e che i lavori furono completati entro il 1848 il che, visto dall’altra sponda dell’argine, significa che la chiesa gotica fu per questo rasa al suolo e che cessò di esistere nel paesaggio della città a partire dal 1849. Che città incredibile è Sassari! Un viaggiatore qui non ha che l’imbarazzo di scegliere per quale sentiero della storia incamminarsi, quale lato della bellezza avvicinare per primo ed è quanto di più normale possa accadere in questo luogo straordinario. Credo che anche i suoi abitanti facciano lo stesso, con l’agio di chi, essendo parte della città e conoscendone gli infiniti paesaggi, può cambiare continuamente prospettiva e scegliere di volta in volta in quale di essi abitare.

Non volendo disturbare oltre il quieto esilio di San Sisto pisano, mi dirigo verso la chiesa ottocentesca. Descrivere in poche parole com’era Sassari in quella prima metà dell’Ottocento non è così semplice come si potrebbe pensare. La Storia in quel secolo prese a mutare il suo andamento: grandi accadimenti internazionali accerchiavano realtà più piccole e periferiche, lasciando tracce, generando impulsi; così, mentre le grandi monarchie restaurate dal Congresso di Vienna erano scosse dai sussulti insurrezionali della borghesia, in Sardegna proprio nel marzo del 1848 si adottava la prima costituzione del Regno Sardo e della monarchia sabauda, quello Statuto Albertino che di lì a pochi anni, tredici per l’esattezza, sarebbe diventato il primo codice di leggi del neonato Regno d’Italia. Tempi di grandi cambiamenti e di rottura col passato e quest’aria di rinnovamento si poteva respirare anche a Sassari. Anzi a Sassari in quegli anni questa atmosfera si era fatta quasi tangibile, assumendo la consistenza della polvere, la stessa che saliva verso il blu intenso del cielo sardo dalle demolizioni di intere porzioni delle mura e del Palazzo di Città. Immagino le vie di Sassari percorse da un instancabile via vai di carri, di piccapietre e “mestres de muros”, di eleganti signori in abito scuro intenti a fare sopralluoghi sui cantieri con piemontese severità, i rispettivi progetti accuratamente arrotolati e portati con deferenza da solerti assistenti. E poi i suoni: il rumore delle carrucole, delle corde tese, le imprecazioni, le benedizioni, i nomi degli artigiani chiamati a gran voce, che rimbalzavano da una campata all’altra delle impalcature, e quelli degli architetti, degli ingegneri, sussurrati con un filo di voce, come si usava fare quando si parlava del vescovo o del signor dottore. In quella tumultuosa prima metà dell’Ottocento l’architetto Angelo Maria Piretto ricevette l’incarico di progettare la nuova chiesa di San Sisto. Era sassarese e già molto apprezzato in città, per via del suo progetto del nuovo cimitero, costruito una decina d’anni prima in località Caramasciu, vicino alla chiesa di San Paolo, tuttora esistente ma ormai chiusa al culto.

La chiesa di San Sisto invece superò brillantemente la sua rivoluzione: mantenne la funzione di parrocchia e di circoscrizione, sebbene avesse perso ogni contatto con il proprio passato. Ultimi, deboli richiami rimasti nell’ombra della sua unica navata: la statua settecentesca raffigurante il santo e un Crocifisso ligneo di epoca medievale, oggi conservato nella Pinacoteca Nazionale di Sassari, di cui rimane solo la figura del Cristo. Sarebbe poi passato ancora un secolo dalla sua edificazione, prima che questa chiesa dal severo aspetto neoclassico prendesse i colori vivaci degli affreschi di Costantino Spada. Le scene dipinte dal pittore sassarese decorano il catino, l’abside e l’arco di trionfo della chiesa e rappresentano nell’ordine l’Apoteosi della Vergine, l’Ultima Cena e il Martirio di San Sisto. Costantino Spada li dipinse nel 1950, con un tratto elegante che sarebbe poi diventato impeccabile nella successiva decorazione della Basilica del Sacro Cuore. In questo bellissimo ciclo decorativo c’è un elemento che mi piace particolarmente: il cielo azzurro che sovrasta la scena dell’Apoteosi nel catino absidale. Le figure, radunate in piccoli gruppi, rivelano la preparazione e l’alto livello raggiunto dal pittore e rimandano a gesti e posture di altre figure dipinte da Mantegna, da Benozzo Gozzoli, da Giorgio Vasari. È come trovarsi al cospetto della grande passione che questo pittore doveva provare per la sua Arte, si ha l’impressione di osservare lo svolgersi progressivo della sua gioia di dipingere, solo lievemente interrotta dalla frammentazione dell’affresco in giornate. La volta azzurra è innegabilmente il cielo blu di Sardegna, chiunque abbia avuto la fortuna di ammirarlo al di sopra della propria testa non avrà alcuna esitazione a riconoscerlo in questo affresco; mentre illumina la scena e l’intera chiesa con la sua vivacità, ricorda ai fedeli e ai visitatori che ogni vicenda umana, ogni pietra rimossa, ogni cambiamento riguardante la città è avvenuto, e avverrà sempre, sotto l’azzurro intenso e limpido del cielo di Sardegna.

LMR

In copertina: Francesco Pau, Affreschi di Costantino Spada nella Chiesa di San Sisto, Apoteosi della Vergine, 1950 (particolare).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s